SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Tre volti

  • Durata: 100min.
  • Regia: Jafar Panahi
  • Cast: Behnaz Jafari, Jafar Panahi, Marziyeh Rezaei, Maedeh Erteghaei, Narges Delaram, Fatemeh Ismaeilnejad, Yadollah Dadashnejad, Ahmad Naderi Mehr, Hassan Mihammadi, Mehdi Panahi, Shahrzad, Asghar Aslani, Yusef Moharamian
  • Prodotto nel: 2018 da JAFAR PANAHI PER JAFAR PANAHI FILM PRODUCTIONS
  • Distribuito da: CINEMA DI VALERIO DE PAOLIS

TRAMA

La famosa attrice Behnaz Jafari riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto per sfuggire alla propria famiglia conservatrice e tiranna. Behnaz abbandona le riprese del film a cui sta lavorando e si rivolge al regista Jafar Panahi per risolvere il mistero del video e raggiungere la ragazza. Inizia così un viaggio in auto verso il nordovest rurale dove ogni incontro è pieno di fascino e ironia

Dalla critica

  • Cinematografo

    A volte basta una “piccola” idea per portare sullo schermo un grande tema. Jafar Panahi, regista iraniano dissidente, a cui il regime da tempo ha vietato di realizzare film e di lasciare il paese, lo dimostra anche questa volta con Three Faces . L’idea è questa: una giovane aspirante attrice (Marziyeh Rezaei) filma il proprio suicidio con uno smartphone, supplicando per l’ennesima (?) volta la star iraniana Benhaz Jafari di prendere a cuore la sua situazione, di ragazza osteggiata dalla famiglia e dalla comunità locale nel poter perseguire il proprio sogno. Benhaz Jafari, sconvolta, parte insieme al regista Jafar Panahi alla volta di quel villaggio remoto, per sincerarsi che quel video sia una messa in scena. Dopo l’Orso d’Oro a Berlino per Taxi Teheran (2015) e il corto-documentario Où en êtes-vous Jafar Panahi? , il regista de Il cerchio e Oro rosso riflette sull’attuale condizione della donna, e del cinema, nell’Iran di oggi. Lo fa partendo da un mistero, la cui risoluzione dovrà necessariamente passare per le contraddizioni di un paese andate a scovare nelle viscere delle sue più arcaiche convinzioni. È lì, in quel remoto villaggio nel nordest dell’Iran, raggiunto dopo un lungo viaggio in auto (caratteristica, questa del road-movie nella sua declinazione più intimistica, tanto cara al cinema iraniano di alta esportazione, si pensi al compianto Kiarostami e allo stesso, già citato Taxi Teheran ), che il reale “svelamento” di Three Faces si compie. Tre volti, tre epoche differenti, e un paradosso: i tre volti sono quelli dell’attrice affermata, dell’attrice emergente e dell’attrice reietta, una donna che “faceva film” prima della Rivoluzione del ’79 e ora vive da reclusa in una casetta al di fuori del villaggio (non la vedremo mai). Il paradosso è quello legato al villaggio stesso, ai suoi abitanti, alla famiglia della ragazza, per loro scomparsa da tre giorni: Panahi e Benhaz Jafari vengono accolti con estrema cortesia, con l’attrice omaggiata in ogni modo possibile. Per quale motivo, allora, sarebbe un disonore per la giovane Marziyeh entrare al conservatorio e tentare di seguire quella stessa strada? E perché l’altra attrice, quella del passato, si tiene ai margini della comunità? Panahi – che nel film si ritaglia nulla più che il ruolo dell’autista, accompagnatore, “traghettatore” – si inserisce in questa contraddizione, continuando a far sì che il racconto proceda su questa continua sospensione tra realtà e finzione, sospensione su cui sin dall’inizio (con la Jafari che sospetta sia tutto un suo inganno ripensando a quella volta che le parlò di uno script basato su un suicidio…) il regista ha costruito l’intera operazione. E fa in modo che la centralità della donna abbia il sopravvento non solo per la risoluzione narrativa, ma anche nel lascito del film stesso sul nostro immaginario, restando al di qua e inquadrando al di là del parabrezza l’incedere delle due attrici su quella mulattiera, mentre si allontanano per sparire dietro a un tornante, con tre camion che procedono in senso opposto, in direzione del villaggio, trasportando enormi giovenche per farle accoppiare con i tori locali. Essenziale. Importantissimo.

  • Nazione-Carlino-Giorno

    Un'altra coinvolgente avventura di Panahi, erede di mastro Kiarostami, ci conduce nel gioco del cinema a riconoscere l'ambiguità delle immagini, soprattutto quando raccontano i paradossi della censura e il diritto alla libertà. (...) Ieri, oggi, domani integrati nella "vita d'artista" di tre donne nell'Iran della creatività ministeriale (Panahi è da anni vittima di una sentenza liberticida). Alla repressione risponde la tenacia del regista e della sua cinepresa, che svela, domanda, inventa metafore, come questa comunità rurale raggiungibile tra intralci per una tortuosa strada polverosa. Al cinema il compito di sfondare gentilmente pregiudizi e ingiustizie.

  • la Repubblica

    Jafar Panahi è diventato una specie di simbolo dell'opposizione culturale al regime di Teheran. Imprigionato, poi liberato ma colpito dal divieto di girare altri film, il regista ne ha però realizzati clandestinamente ben quattro, che è riuscito a mostrare all'estero (dove non può recarsi). Quest'ultimo ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura al Festival di Cannes: premio in effetti meritato, perché (come in molti film iraniani recenti) l'impressione di verità quasi documentaristica nasconde in realtà una costruzione complessa e astuta. Una costruzione che però si mostra anche nel suo artificio e che viene quasi sciolta a contatto con i luoghi reali, trasformandosi in apologo sulla creazione artistica. E a sua volta la riflessione su verità e finzione si carica di significati politici: era questa, in fondo, la lezione del compianto Abbas Kiarostami, di cui Panahi è allievo. Anche qui si possono trovare forse alcuni omaggi al cinema del maestro, dalla struttura del lungo viaggio in auto alla donna che si sistema in una tomba, che evoca 'II sapore della ciliegia'. (...) Alla fine è evidente, da parte di un regista prigioniero in patria, la metafora della reclusione e anche una satira precisa del maschilismo: un fratello maggiore bruto viene chiuso fuori di casa, una donna chiede di consegnare un prepuzio portafortuna, un toro da monta ostruisce la strada ai protagonisti. Tra questi simboli, più ridicoli che minacciosi, sta salda e affascinante la protagonista, con uno sguardo inquieto ma saggio, nel quale il regista sembra riporre le proprie speranze.

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

In programmazione in questi cinema

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

L'uomo che rubò Banksy

  • Uscita:
  • Regia: Marco Proserpio
  • Cast: Katrin Ahmad, Alaa Al Aswany, Shams Aldeek, Paulos...

Nel 2007 Banksy si reca in Palestina per dipingere sui muri. Qualcuno si offende per un dipinto raffigurante un soldato...

Dinosaurs - For Sale

  • Uscita:
  • Regia: Francesco Invernizzi,...

Tutti conoscono il T-Rex e gli altri dinosauri abitualmente esposti nei musei di Storia Naturale. Ma da dove provengono?...

Calcutta - Tutti in piedi

  • Uscita:
  • Regia: Giorgio Testi
  • Cast: Edoardo D'Erme, Dario Brunori, Francesca...

6 agosto 2018. Calcutta riempie l'Arena di Verona con un sold out annunciato mesi prima. La serata che ha emozionato...

Nel frattempo, in altre città d'Italia...